Get Adobe Flash player

Pace per tutti

Categorie Articoli

Benvenuti

Archivi del sito

Calendario

Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Login

Archive del 28 Dicembre 2018

 

 

a cura di P. Luigi Consonni

 

1a Lettura (1Sm 1,20-22. 24-28)

“Anna concepì e partorì un figlio e lo chiamò Samuele, ‘perché – diceva – al Signore l’ho chiesto’”. Il Signore esaudisce la sua preghiera e le concede un figlio maschio, togliendole l’infamia della sterilità che pesava fortemente su di lei.

Anna non accolse l’invito del marito di accompagnarlo per soddisfare il voto fatto, adducendo la necessità di attendere allo svezzamento del bambino e, nello stesso tempo, si fa spazio nella sua coscienza la convinzione che il dono deve ritornare al donatore. Perciò ella stessa lo condurrà “a vedere il volto del Signore; poi resterà là per sempre”.

Elkanà è un padre e un marito cosciente della sua missione e dell’impegno di rendere culto a Dio per il dono ricevuto. Tale coscienza, e l’azione corrispondente, sono di grande importanza per l’identità della famiglia; infatti costituiscono le fondamenta di un futuro solido e soddisfacente nelle circostanze o difficoltà specifiche della vita giornaliera.

Non è difficile percepire i sentimenti e lo stato d’animo di Anna per la nascita del figlio tanto desiderato, dopo l’umiliante sterilità e l'aver sopportato, con essa, l’arroganza e la prepotenza della seconda moglie del marito, al quale quest'ultima aveva dato dei figli.

L’attenzione al dono, e la necessità che non manchi nulla al bambino, unita al buon senso, hanno fatto sì che Anna non accolga la richiesta del marito di andare “a offrire il sacrificio di ogni anno al Signore e soddisfare il suo voto. Anna non andò (…) Non verrò, finché il bambino non sia svezzato’”.

Anna, nella sua immensa gioia, non perde di vista che il bambino è dono di Dio e che pertanto, in primo luogo, deve essere restituito con la stessa modalità di dono. È un atteggiamento magnanimo e sorprendente perché è normale che una madre prenda “possesso” del figlio che gli appartiene inseparabilmente, partendo dal presupposto che “è mio figlio!”. Tale comportamento, caratteristico dell’esclusivo sentimento di possesso, dimentica o mette in secondo piano la realtà del dono di Dio, e non permette la dovuta distanza dal possesso esclusivo ed escludente.

Anna compirà la promessa ben oltre quello che normalmente è richiesto in tali circostanze: “Dopo averlo svezzato, lo portò con sé (…) e lo introdusse nel tempio del Signore a Silo (…) per tutti i giorni della sua vita egli è richiesto per il Signore”.

Leggi il resto di questo articolo »