Get Adobe Flash player

Pace per tutti

Categorie Articoli

Benvenuti

Archivi del sito

Calendario

Gennaio: 2019
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Login

Archive del 10 Gennaio 2019

 

Secondo il Cnel sono considerate a rischio oltre 5 milioni di persone (il 21% degli occupati) che guadagnano meno di 15mila euro l’anno

di Francesco Gesualdi  – 10 gennaio 2019

Fonte: Avvenire

 

 

Quali risposte al fenomeno della povertà fra gli occupati, in crescita tanto a livello internazionale quanto italiano Secondo il Cnel sono considerate a rischio oltre 5 milioni di persone (il 21% degli occupati) che guadagnano meno di 15mila euro l’anno La Costituzione l’ha posto a fondamento della Repubblica. Papa Francesco l’ha inserito fra i tre diritti cardinali assieme alla terra e alla casa. È il lavoro, il bene che tutti invocano come spartiacque fra assistenza e autonomia, fra umiliazione e dignità. Eppure un numero crescente di persone sta sperimentando che lavoro non fa sempre rima con decenza.

È notizia di questi giorni che in Cina sta tornando il lavoro forzato nei campi di detenzione in cui sono rinchiusi gli oppositori al regime, in particolare gli appartenenti a minoranze etniche. Il 17 dicembre scorso il 'Financial Times' ha raccontato di lavoro forzato in fabbriche di scarpe allestite nei campi di rieducazione, i famosi laojiao, situati nella regione dello Xinjiang. E seppur formalmente impiegati in lavoro liberamente scelto, non se la passano certo meglio i lavoratori indiani che sguazzano a piedi nudi fra i liquami tossici delle concerie o le operaie bengalesi che a malapena guadagno due dollari al giorno dopo aver passato dieci ore alla macchina da cucire.

Secondo i calcoli dell’Organizzazione mondiale del lavoro i lavoratori vulnerabili, ossia precari, malpagati e in situazioni a rischio, nel mondo sono quasi un miliardo e mezzo, il 42% di tutti gli occupati. La metà di loro sono definiti working poors, lavoratori poveri, perché con compensi al di sotto dei tre dollari al giorno, la soglia limite della povertà. La novità è che ora i working poors abitano anche fra noi. I loro tratti distintivi sono paghe basse, discontinuità, scarse ore di lavoro e a seconda che si prenda in considerazione un solo criterio o la combinazione di più elementi, si ottengono risultati diversi sul numero dei working poors di casa nostra. Prendendo a riferimento la sola paga oraria, l’Istat preferisce parlare di «sperequazione retributiva» piuttosto che di povertà. Posta la paga mediana nazionale a 11,21 euro l’ora, definisce «a bassa paga» chiunque riceva meno di 7,47 euro l’ora, che corrispondono a due terzi della mediana nazionale.

Il Cnel stima che i lavoratori a bassa paga siano oltre tre milioni, il 17,9% di tutti i lavoratori dipendenti, principalmente lavoratori domestici, dell’agricoltura, delle costruzioni. Ma anche della piccola industria considerato che in settori come l’abbigliamento si applicano contratti collettivi di comodo che per le categorie più basse prevedono salari orari al di sotto dei 7 euro. Un caso è rappresentato dal contratto 2015-18 firmato fra Fedimprese e Snapel per le aziende façon. Un settore a prevalente presenza femminile che conferma come l’ingiustizia retributiva colpisca soprattutto le donne.

Leggi il resto di questo articolo »