Get Adobe Flash player

Pace per tutti

Categorie Articoli

Benvenuti

Archivi del sito

Calendario

Gennaio: 2019
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Login

Archive del 18 Gennaio 2019

 

 

a cura di P. Luigi Consonni

 

1a lettura (Is 62,1-5)

per amore di Gerusalemme non mi concederò riposo”. Gerusalemme è la città simbolo d'Israele e della storia del popolo, spesso infedele a Dio, ma anche dell'amore incessante del Signore che promette di restaurare a nuova vita il popolo e la città stessa.

Il comportamento fondamentale di Dio con il suo popolo è la fedeltà, conseguenza del suo profondo amore: “Per amore di Sion non tacerò, per amore di Gerusalemme non mi concederò riposo, finché non sorga come aurora la sua giustizia e la sua salvezza non risplenda come lampada”. Al riguardo, il profeta utilizza l'immagine dell'amore tra lo sposo e la sposa: “Il Signore troverà in te la sua delizia e la tua terra avrà uno sposo (…) come gioisce lo sposo per la sposa, così il tuo Dio gioirà per te”.

Il profeta manifesta l’immensa tristezza, e la sofferenza del Signore, nel constatare la deplorevole condizione in cui si è ridotta Gerusalemme, considerata come l’ombelico del mondo, il legame fra la terra e il cielo: “Nessuno ti chiamerà più Abbandonata, né la tua terra sarà più detta Devastata”.

Il degrado, la devastazione e la deportazione del popolo in esilio sono motivo di dolore e di amarezza, in considerazione dello splendore del tempo antico e della missione, ormai fallita, che avrebbe dovuto svolgere a favore di tutta l’umanità. Il motivo della disgrazia è l’abbandono dell’alleanza, del cammino di giustizia e del diritto e l’aver abusato della Legge per fini e interessi della classe dirigente e dei notabili.

È una disgrazia che, purtroppo, si ripete continuamente nella storia dei responsabili della comunità, dei governanti. È la lotta fra bene e male, fra luce e tenebre, destinata ad accompagnare il vissuto personale e sociale con grano o zizzania, che crescono contemporaneamente fino alla fine del mondo.

Impressiona la determinazione, la fermezza nell'amore del Signore, per impiantare la giustizia che genera salvezza per tutti gli abbandonati, isolati, rifiutati dall’istituzione e diventare il contrario: essere l’ambito dell’accoglienza, del sostegno, dell’aiuto. Senza questi valori l'esistenza è come un deserto, un vuoto senza senso, la cui sofferenza e disagio è attuale sotto diversi aspetti e circostanze, e le cronache di ogni giorno ne evidenziano le drammaticità.

Impiantare il cammino di giustizia è la finalità dell’azione del Signore – il tesoro del regno di Dio – a favore dell’umanità e di ogni singola persona. Essa è sinonimo di salvezza, che risplende come lampada. La pratica della giustizia farà di Gerusalemme e del popolo eletto “una magnifica corona nella mano del tuo Signore, un diadema regale nella palma del tuo Dio”.

Egli sarà orgoglioso e soddisfatto del suo popolo e, più ancora. “… il tuo Dio gioirà per te”. Egli stabilirà per Gerusalemme una nuova condizione, per la quale “Nessuno ti chiamerà più Abbandonata, né la tua terra sarà più detta Devastata, ma sarai chiamata Mia Gioia e la tua terra Sposata, perché il Signore troverà in te la sua delizia”.

Dio indica le condizioni affinché le persone e il popolo vivano nella pace, in armonia con tutto e tutti nella fraternità, solidarietà e responsabilità propria della famiglia di Dio.

Leggi il resto di questo articolo »