Get Adobe Flash player

Pace per tutti

Categorie Articoli

Benvenuti

Archivi del sito

Calendario

Marzo: 2019
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Login

Archive del 22 Marzo 2019

 

a cura di P. Luigi Consonni

 

1a lettura (Es 3,1-8a. 13-15)

Il testo narra la chiamata di Mosè. L’iniziativa parte da Dio e suscita in Mosè stupore, interesse e curiosità, per mezzo del roveto che “ardeva per il fuoco, ma quel roveto non si consumava”. In effetti, ogni autentica vocazione è caratterizzata dall’irrompere, nel profondo dell’animo, dello stupore e della meraviglia, in ordine al coinvolgimento proiettato in un futuro permanente che “non si consuma”, e dà senso pieno all’attività e ai frutti di essa, come un fuoco ardente.

C'è una grande voglia di vivere in ogni persona, la cui metafora è il fuoco inestinguibile del roveto. Essa, nell’orizzonte della volontà di Dio, è intrisa e sostenuta dal sincero desiderio di giustizia, rispetto, dignità e fraternità nel rapporto con altri per un nuovo mondo, una nuova società, con l’accoglienza della sovranità di Dio, del suo regno. Questa stessa voglia, probabilmente, ha segnato il mondo interiore di Mosè, al punto da reagire violentemente contro l’egiziano che stava maltrattando lo schiavo ebreo, compromettendo in tal modo il suo futuro alla corte del faraone.

Tale voglia di vivere è come un fuoco che non si consuma. È il presupposto che, come in Mosè, suscita lo stupore davanti al roveto, al quale si era avvicinato per osservare l'accadimento con un misto di curiosità, rispetto e un certo timore per la singolarità dell'accadimento.

Dal profondità del cuore, del suo mondo interiore, una “voce” lo chiama: “Mosè, Mosè!”, lo interpella e, ad essa risponde prontamente: “Eccomi!”. La “voce” è accompagnata dalla percezione di trovarsi come in terra straniera – che non gli appartiene – intrisa di una sacralità che sorpassa ogni immaginazione, non disponibile alla propria volontà e sulla quale è doveroso rimanere in contatto con profondo rispetto: "Non ti avvicinare oltre! Togliti i sandali dai piedi, perché il luogo sul quale stai è suolo santo!”.

Segue la sorprendente rivelazione: “Io sono il Dio di tuo padre, il Dio di Abramo, il Dio di Isacco, il Dio di Giacobbe”, ossia il Dio della tradizione e della promessa. “Mosè allora si coprì il volto, perché aveva paura di guardare verso Dio” (a quel tempo si riteneva che nessuno potesse vedere il volto di Dio e rimanere in vita). Mosè s’incontra con il mistero e il fascino della propria esistenza, ne percepisce la consistenza, la voce e la chiamata. Il contatto con Dio è stabilito.

Dio manifesta il suo progetto, la sua volontà di coinvolgere Mosè: "Ho osservato la miseria del mio popolo in Egitto e ho udito il suo grido a causa dei suoi sovrintendenti: conosco le sue sofferenze”. Grande è la sorpresa di Mosè; infatti la lunga schiavitù portava a ritenere che Dio si fosse dimenticato della promessa e avesse abbandonato il popolo al triste destino.

Invece, “Sono sceso per liberarlo dal potere dell’Egitto e per farlo salire da questa terra verso una terra bella e spaziosa, verso una terra dove scorrono latte e miele”, e gli conferisce autorità e potere per portare a termine il progetto in suo nome.

Non è difficile immaginare lo stato d’animo, lo sconcerto e lo spavento per un compito  del genere. Non volendo manifestare esplicitamente la sua insicurezza, Mosè tenta, con tutte le argomentazioni possibili, di sostenere le sue difficoltà e perplessità affinché Dio lo sollevi dall’incarico (vedi fino al capitolo 4,13 per approfondire la portata delle sue richieste, e il modo in cui Dio le smonta una ad a una, fino a che, stremato, si arrende).

Una delle sue richieste, la seconda, è la credenziale davanti al popolo, dovendo presentarsi come inviato dal Dio dei Padri, dal Dio della promessa. Mosè disse a Dio: “Mi diranno: ‘Qual è il suo nome?’. E io che cosa risponderò loro?”. 

Leggi il resto di questo articolo »