Get Adobe Flash player

Pace per tutti

Categorie Articoli

Benvenuti

Archivi del sito

Calendario

Marzo: 2019
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Login

Archive del 29 Marzo 2019

 

 

a cura di P. Luigi Consonni

 

1a lettura (Gs 5,9-12)

Si tratta di un momento decisivo e determinate per il popolo d’Israele. Con l’arrivo nella terra promessa, la peregrinazione nel deserto è terminata. Ora il popolo si trova “nelle steppe di Gerico” e, come primo atto, celebra la Pasqua. Con essa fa memoria dell’uscita, della liberazione, dall’Egitto – simbolo del male e del peccato -, dell’alleanza stabilita con Dio nel Sinai e del processo drammatico di purificazione e consolidamento della propria libertà nel deserto.

L’esperienza segna il passaggio dalla schiavitù alla condizione di uomini liberi: la Pasqua. Essa sarà celebrata ogni anno per attualizzare gli effetti di quell’evento fondante, in modo che ogni partecipante, e tutte le generazioni future che non hanno vissuto direttamente quell’evento, siano come se abbiano tutti, stipulando l’Alleanza, lasciato l’Egitto e attraversato il mare, in direzione della terra promessa. La Pasqua annuale sarà sempre un punto d’arrivo e di partenza.

Il Signore ha fatto di loro un popolo libero, ha donato loro la libertà per amare con lo stesso amore con cui sono amati da Lui. La pratica della giustizia e il diritto, a livello individuale e sociale, è la mediazione concreta di tale amore che, elaborata correttamente,  è espansiva e coinvolgente verso tutti i popoli.

Si apre un nuovo orizzonte nel quale consolidare la vita personale e sociale secondo le esigenze e le attese stabilite nell’alleanza. Si tratta di vivere e approfondire la libertà donata da Dio ed essa costituisce il timbro di autenticità dell’identità del popolo da Lui eletto.

Il nuovo insediamento – la terra promessa – darà loro “latte e miele” (metafora della pienezza di vita, dell’armonia e della pace per la pratica del diritto e della giustizia), asse portante della fedeltà all’Alleanza. Non ci sarà risultato soddisfacente senza la loro attiva, intelligente e coraggiosa adesione a tale esigenza.

Gli Israeliti rimasero accampati a Gàlgala e celebrarono la Pasqua”, e Giosuè – successore di Mosè – annuncia che il Signore, oggi, ha "allontanato da voi l’infamia dell’Egitto”. La schiavitù è una condizione di vita del passato che deve rimanere nel passato, sepolta nelle acque de mar Rosso una volta per sempre.

Il mondo in cui siamo è la terra promessa e non esistono altri mondi o altra terra. Si tratta di fare di questa una nuova terra, e di questo un nuovo mondo (Ap 21,1), non un’altra terra o un altro mondo. Subito dopo la Pasqua, il giorno dopo, “mangiarono i prodotti della terra, azzimi e frumento abbrustolito in quello stesso giorno. E a partire dal giorno seguente, come ebbero mangiato i prodotti della terra, la manna cessò”.

Infatti non è più necessario che Dio intervenga, con il miracolo, per alimentare il popolo con la manna.

Leggi il resto di questo articolo »