Get Adobe Flash player

Pace per tutti

Categorie Articoli

Benvenuti

Archivi del sito

Calendario

Luglio: 2019
L M M G V S D
« Giu   Ago »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Login

Archive del 19 Luglio 2019

 

 

a cura di P. Luigi Consonni

 

1a lettura (Gn 18,1-10a)

Abramo, motivato dalla fiducia in Dio, esce dalla sua terra verso una meta sconosciuta che il Signore indicherà a mano a mano. La fiducia è riposta nella promessa di paternità di un popolo numeroso, come il numero delle stelle del cielo e dei grani di sabbia della spiaggia del mare, nonostante l’età avanzata e la sterilità della moglie Sara.

Gli anni passano e il figlio non arriva. Tuttavia, una notte, osservando nel deserto le innumerevoli stelle del firmamento, Dio gli appare e rinnova la promessa e Abramo, “sperando contro ogni speranza” (Rm 4,18), rinnova la sua fiducia. Il che piacque molto al Signore.

Le fede e la speranza caratterizzano i due eventi. Il brano odierno è il terzo segnato dalla carità, in virtù dell’accoglienza di tre misteriosi personaggi. “Il Signore apparve ad Abramo (…) Egli alzò gli occhi e vide che tre uomini stavano in piedi presso di lui”. E Abramo si rivolge loro come se fossero un solo soggetto, dicendo loro: “Mio signore, se ho trovato grazia ai tuoi occhi, non passare oltre senza fermarti dal tuo servo”. E ordina l’attenzione verso di loro propria dell’accoglienza, nel portare l’acqua in modo che, lavati i piedi, si accomodino sotto l’alberoNella tradizione teologica i tre sono ritenuti come se fossero un’anticipazione di quella che poi si rivelerà come la Trinità, ma studi recenti lo escludono. (A essa fa riferimento la famosa icona di Rubliev).

D’altro lato si ritiene che i tre uomini rappresentino tutti i popoli, e in essi si configura la misteriosa presenza del Signore. Accoglierli, offrire loro tutto ciò di cui hanno bisogno per proseguire il viaggio, è il momento culminante della comunione con il Signore.

Ogni giorno è necessario elaborare e offrire all’umanità quello di cui ha bisogno per continuare il cammino verso la pienezza dell’avvento della sovranità di Dio, l’avvento del suo regno, della comunione in e con Lui.

Abramo, appena li vide, “corse loro incontro e si prostrò fino a terra dicendo: ‘Mio signore (…) dopo potete proseguire, perché è ben per questo che siete passati dal vostro servo’”. All’accoglienza essi aderiscono positivamente: “Fa pure come hai detto”.

Abramo attiva una cura considerevole preparando il meglio di cui dispone e un rispetto singolare, come se fosse il loro servo: “Così, mentre egli stava in piedi presso di loro sotto l’albero, quelli mangiarono”. Non fa nessuna domanda, semplicemente li accoglie con grande disponibilità, attento ai loro bisogni.

L’evento configura la personalità di Abramo nel trascorrere degli anni. Tuttavia, già passarono ventiquattro anni dal giorno della chiamata, rimanendo fiducioso nella promessa umanamente impossibile. Mantenne la fiducia, rinnovando in modo sorprendente la speranza nella promessa e, infine, accoglie in modo così singolare – la carità – degli sconosciuti nei quali percepisce la presenza del suo Signore.

In virtù di cosa avviene ciò? La fiducia e la speranza declinano la carità. È la triade che apre l’evento della presenza e comunione con il Signore nella vita ordinaria.

I tre chiesero della moglie e, alla risposta di Abramo che stava nella tenda, ripresero: “Tornerò da te fra un anno a questa data e allora Sara, tua moglie, avrà un figlio”.

Leggi il resto di questo articolo »