Get Adobe Flash player

Pace per tutti

Categorie Articoli

Benvenuti

Archivi del sito

Calendario

Aprile: 2019
L M M G V S D
« Mar    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Login

 

Storia vera, tratta dal libro "Non lasciamoli soli" di Francesco Viviano e Alessandra Ziniti.
 

"Mi hanno portato in disparte, lontano dagli altri prigionieri, ma io non volevo lasciare mia figlia da sola e così l'ho portata con me. Non avrei dovuto farlo, ma non potevo immaginare quello che mi sarebbe successo e soprattutto quello che sarebbe accaduto a mia figlia. Erano in tre, mi hanno violentata, ripetutamente, uno dopo l'altro, e tutto questo davanti a lei. Stava lì, mi guardava e gridava: "Mamma, mamma", come se volesse aiutarmi. ma che poteva fare la mia piccola figlia? Lei piangeva, ma io ero impotente sotto quegli uomini, non potevo abbracciarla, non avevo la forza di tranquillizzarla, di dirle che non stava succedendo niente. ma lei, la mia piccola era lì, e anche se aveva solo quattro anni aveva capito che quegli uomini mi avevano fatto del male."


Un pianto dirotto blocca il racconto di Osedayne. E' evidente che per lei proseguire è uno shock troppo grosso il colloquio con il medico si interrompe. "Tranquilla, non devi continuare se non te la senti. Ci vediamo tra un paio di giorni" le dice quella donna gentile. Osedayne sollevata si alza, mormora un saluto e gira le spalle. Ma due giorni dopo non si presenta. Ci vorranno due settimane perché si renda conto che, tutto sommato, parlare con quella dottoressa può farle bene.
 

Ed eccola che ricomincia ad aprirsi, con gli occhi bassi, i suoi sussurri sono a malapena udibili ma rimbombano come tuoni in quella stanzetta dell'ambulatorio. Le due donne, una di fronte all'altra, trattengono entrambe il respiro. "Dopo aver violentato me, quei cannibali hanno violentato anche la mia bambina e io ho dovuto assistere costretta, impotente a quello che le facevano. Piangeva, gridava "Mamma, mamma", implorava aiuto. Ma che potevo fare? Quelli mi tenevano legata, ridevano e mi costringevano a guardare. Avrei almeno voluto non vedere, chiudevo gli occhi ma le grida di mia figlia mi costringevano a riaprirli……è stato orribile, atroce. Avrei voluto morire, ma non morivo, ero ancora viva e l'unico pensiero era riuscire a salvare la mia bambina, portarla via da quell'inferno sperando che con il tempo potesse dimenticare.
 

Osedayne era convinta che il peggio fosse ormai passato, che dopo tutto ciò che lei e la sua bambina avevano dovuto subire, quei mostri non le avrebbero più sottoposte ad altre violenze. Ma la sua era una pura illusione.
Lei e la figlia erano di nuovo in viaggio, su un camion, lungo una pista nel deserto. Avevano già superato il confine con la Libia.

Qui i ricordi della ragazza si annebbiano, sembrano svanire in una cappa di orrore che le toglie il respiro: "Mia figlia camminava a stento, il suo sguardo era smarrito. non mi chiamava più "mamma". Per lei, probabilmente ero colpevole di non averla aiutata. Quegli animali la picchiarono ancora per farla camminare più in fretta, ma la mia bambina era stremata. Si era ammalata, piangeva di continuo, ma le sue lacrime davano fastidio a quegli uomini. Uno di loro di punto in bianco e senza dire una parola, me la strappò dalle mani, la portò fuori della mia vista e l'abbandonò nel deserto. Non l'ho più vista. L'hanno fatta morire così".

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento