Get Adobe Flash player

Pace per tutti

Categorie Articoli

Benvenuti

Archivi del sito

Calendario

Agosto: 2020
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Login


Il 7 Aprile 2004 la cantautrice Agnese Ginocchio partecipò al presidio promosso dall’Associazione "3 febbraio" di Napoli, organizzato per difendere il rispetto degli immigrati ed il loro diritto alla Vita.

A distanza di sette anni si ripete, a Lampedusa, una situazione esplosiva e vergognosa che carica gli abitanti dell'isola di un peso insopportabile da gestire e, nello stesso tempo, mette a nudo la mancanza di una sincera apertura agli ultimi da parte della nostra nazione.

Mi sembra giusto solidarizzare con i profughi riportando il testo della poesia che la cantautrice scrisse in quella occasione: essa ci prende per mano e ci accompagna a discernere l'UOMO che si cela dietro il termine "immigrato" e, facendoci partecipi delle loro sofferenze e speranze, ci induce a risvegliere le nostre coscienze da troppo tempo assopite…

– Sebastiano Sanna


Lamp2

"Oggi sono andata.. li ho visti…
stesi a terra, accovacciati…
sopra dei cartoni abbandonati a sè …
…mezzi addormentati…
accesi da una sola speranza…
che gli dava tutta la forza e la capacità di reagire…
di resistere alla prova della fame
e della sete:
– Il diritto a VIVERE..! –

Oggi sono andata ..li ho visti…
Volti scuri…come il colore della terra…
I raggi del sole illuminavano quei loro sguardi
vaganti…intensi.. pacati ..
sguardi assenti … e nello stesso tempo presenti
sguardi controcorrenti…
Avevano ancora la forza di sorridere con serenità…
stesi a terra, accovacciati…

Lamp5

Oggi li ho visti.. fissati..
quegli sguardi bruciati dal segno della sofferenza …
Occhi tremendamente espressivi…
chiedevano: AIUTO.. Chiedevano: AMORE

Solo a guardarli veniva una stretta al cuore…
La mia vita in loro…la loro vita in me …
Ho sentito l'impotenza di un mondo che crolla

perchè schiavo delle sue stesse passioni..:
le instabilità di un potere che discrimina …odia…


Lamp1








Ma quei volti scuri come il colore della terra…
mi hanno insegnato a reagire alle intemperie…
a lottare per un’ Ideale…
mi hanno trasmesso la capacità di amare…
senza frontiere.. senza limiti.. amare…


Perciò abbiamo cantato…insieme..
ballato, battuto le mani..
per inneggiare alla LIBERTA'

Madre di tutti i nostri SOGNI più veri…
Sorella della PACE…
Amica della Giustizia…
e Voce della Speranza…

Insieme poi è esploso il ‘Canto’ – grido liberatorio-..
in volo come i gabbiani che ci sovrastavano il capo…
librandosi nel cielo azzurro di un giorno volgente al tramonto …
ma che prometteva un mondo e un tempo migliore
di quello che lasciavamo…
infinito come l'Universo:
La Speranza ..un SOGNO
per il quale eravamo tutti lì,uniti a manifestare

Lamp6

Arsi dal sole e dal vento della notte
gli ultimi,i poveri, gli schiavi, i martiri di questo tempo…
incatenati e incarcerati …
privati e discriminati…

Sguardi profondi…segnati oltre il tempo…
i loro cuori hanno reclamato Pace,Giustizia e Diritti…

L'Amore non troverà dimora stabile
nè riposo certo su questa terra…
finché odio, discriminazioni e lotte di potere fra gli uomini non cesseranno
e violenze e guerre saranno ridotte in tabù

Lamp4

Oggi sono andata lì.. e li ho visti..
ho capito ancora una volta che:

l'Amore è ferito..l'Amore non è capito…
steso a terra, accovacciato…addormentato…
come uno straccio…un mendicante…
un barbone abbandonato a sè…
che cerca e chiede solo un gesto di solidarietà ..

Ma sono sicura che dopo il buio di questa notte
presto tutto Risorgerà…!
Insieme lottiamo affinché questo Sogno e un altro Mondo s'avveri
e la Pace ritornerà.!

Shalom..Peace..Peac..Pax..Aleka…Salaam…Pau..Mir…Pace…

 

di Agnese Ginocchio – Cantautrice per la Pace

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento