Get Adobe Flash player

Pace per tutti

Categorie Articoli

Benvenuti

Archivi del sito

Calendario

Giugno: 2020
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Login

 

 

a cura di P. Luigi Consonni

 

1a lettura (At 1,1-11)

Il libro degli Atti degli Apostoli è la continuazione del Vangelo di Luca – “Nel primo racconto” – e testimonia l’azione dello Spirito Santo nella diffusione del vangelo in Israele e nel resto del mondo allora conosciuto e, con esso, la conseguente nascita e crescita delle comunità cristiane.

L’introduzione del libro presenta Gesù nel periodo che va dalla risurrezione all’ascensione – simbolicamente quaranta giorni, un periodo esteso -, durante i quali parlava "… delle cose riguardanti il regno di Dio”. Non parla di  sé stesso, della grande ingiustizia e violenza di cui fu vittima, del tradimento e abbandono degli apostoli, ma solo della finalità della missione: l’avvento del regno di Dio.

Gesù testimonia un distacco da sé stesso sorprendente, dagli eventi tragici della crocifissione. È come se parlasse senza che nulla di particolare lo avesse coinvolto. La sua tensione e le sue preoccupazioni riguardano la missione, il raggiungimento del fine per il quale è entrato nel mondo e nella storia. Non ritiene conclusa la sua missione, anche se l’evento pasquale costituisce l’evento determinante e decisivo al riguardo.

Come ha potuto mantenere il distacco dalle sue dolorosissime vicende? Il brano non riferisce alcuna parola di critica o di lamento riguardo all’ingratitudine del popolo, alla debolezza degli apostoli e non c’è rivalsa verso chi l’ha esplicitamente condannato, ma porta l'attenzione, nella conversazione con i discepoli, sull’avvento del Regno di Dio.

In quei momenti, l’evento pasquale non è adeguatamente compreso dagli apostoli che domandano: “Signore, è questo il tempo nel quale ricostruirai il regno d’Israele?”.Essi , infatti, aspettano la realizzazione del regno, in sintonia con le attese del popolo e di Giovanni Battista, con l’espulsione degli invasori romani e la purificazione del popolo che non osserva la Legge mosaica. Non hanno capito la portata e l’importanza dell’evento, nonostante la presenza del Risorto.

Gesù non si sorprende, né riprende la spiegazione perché sa che non sono ancora in grado di capire, ma segnala quel che avverrà, affinché non perdano il senso e la finalità della missione. Avranno piena comprensione solo con l’invio dello Spirito Santo e, pertanto, afferma: “Non spetta a voi conoscere tempi o momenti che il Padre ha riservato al suo potere”, e motiva la successiva azione del Padre, che avverrà sicuramente.

Aggiunge ancora: “riceverete la forza dello Spirito Santo che scenderà su di voi, e di me sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la giudea e la Samarìa e fino ai confini della terra”. Lo Spirito li farà coscienti della portata e del valore della Sua morte e risurrezione, per loro stessi e per l’umanità intera. Di conseguenza sono coinvolti negli effetti di questi avvenimenti continuando, in suo nome, la missione riguardo l’avvento del Regno di Dio.

Detto questo, mentre lo guardavano, fu elevato e una nube lo sottrasse ai loro occhi”. La nube raffigura la presenza dello Spirito Santo. Con l’ultima apparizione, la persona di Gesù Cristo entra definitivamente con il suo corpo nell’ambito trinitario, nell’ambito del divino, dopo aver universalizzato la missione e conferito la responsabilità agli apostoli.

Attraverso i due messaggeri –“due uomini in bianche vesti” – Dio esorta gli apostoli a non rimanere semplicemente stupefatti dell’evento, paralizzati a guardare il cielo.

E assicura loro: “Questo Gesù, che di mezzo a voi è stato assunto in cielo, verrà allo stesso modo in cui l’avete visto andare al cielo”.

È un inganno identificare il cielo con un luogo geografico, extra-terreno, ossia come un luogo che sta sopra le nostre teste; quest'affermazione riflette, semplicemente, le conoscenze di quel tempo. Invece esso indica la condizione di chi partecipa, pienamente,  della gloria in Dio. Il cielo è come “l’anima” della creazione, dell’umanità, della persona, della realtà più autentica, vera e profonda che, intrisa della presenza trinitaria per la fedeltà a Cristo e alla causa del Regno, abbraccia e trasforma tutto e tutti nella potenza della gloria di Dio.

Gesù disse: “Se uno mi ama – diventando lo spazio dell’azione dello Spirito -, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui” (Gv 14,23); realtà umana trasformata in cielo per la presenza della Trinità. Così sarà pure per l’umanità e la creazione, alla fine dei tempi: “E quando tutto gli sarà sottomesso, anch’egli, il Figlio, sarà sottomesso a Colui che gli ha sottomesso ogni cosa, perché Dio sia tutto in tutti” (1Cor 25,28).

Allora, a livello individuale e sociale, "verrà allo stesso modo in cui l’avete visto andare”, ossia nella gloria trinitaria per l’azione dello Spirito.

L’agente e la forza dinamica sulla terra è lo Spirito Santo, come si evince dalla seconda lettura.

 

2a lettura (Ef 1,17-23)

Paolo intercede presso Dio a favore dei membri della comunità perché “il Dio del Signore nostro Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia uno spirito di sapienza e di rivelazione”. Supplica l’invio e l’azione dello Spirito – il maestro interiore – in loro, “per una profonda conoscenza di lui”, conoscenza che non si riferisce tanto all’aspetto intellettuale quanto all’esperienza di presenza, di coinvolgimento nell’amore per la stessa causa dell’avvento del regno di Dio.

Gesù Cristo, l’evento pasquale e la causa del Regno costituiscono un insieme di inesauribile profondità. Quanto più ci avviciniamo ad esso, più l’orizzonte si allarga e più si è presi dal fascino del coinvolgente mistero trinitario. Il pericolo è accomodarsi e soffermarsi solo sulla conoscenza che, non sviluppata adeguatamente nella pratica di rapporti interpersonali e sociali, diventa una realtà debole e superficiale, insufficiente per testimoniare e condurre la missione a favore dell’avvento del Regno di Dio.

Paolo ritiene necessario che tutti acquisiscano lo spirito di sapienza e di rivelazione, in modo da comprendere sempre più “a quale speranza vi ha chiamati, quale tesoro di gloria racchiude la sua eredità fra i santi e qual è la straordinaria grandezza della sua potenza verso noi, che crediamo, secondo l’efficacia della sua forza e del suo vigore”. Fra parentesi, i santi citati sono i credenti, non quelli che siamo abituati a pensare, ossia  i canonizzati dalla Chiesa in riconoscimento dell’eccellenza delle loro virtù.

La speranza e l’eredità appuntano al futuro che è, allo stesso tempo, presente, pur nei limiti e deficienze della condizione umana che non permettono di percepirlo, con chiarezza e in tutta la sua portata. Perciò Paolo supplica il Padre della gloria affinché “illumini gli occhi del vostro cuore” – sede dell’intelligenza, della riflessione e dell’approfondimento – per percepire il progetto di Dio riguardo l’avvento del Regno, e comprendere la grandezza dell’amore del Padre nel presente, anticipo di un futuro immensamente più grande.

La forza, il vigore e l’efficacia del progetto di Dio si manifestò “in Cristo, quando lo risuscitò dai morti e lo fece sedere alla sua destra nei cieli”. La risurrezione è l’avallo della persona e della missione di Gesù, dell’amore con cui Dio si è posto all’opera per rigenerare la persona e l’umanità con la perseveranza fiduciosa dell’amore del Figlio nel Padre per mezzo dello Spirito, anche nel momento della consegna, il venerdì santo. Lo stare alla destra del Padre, nei cieli, testimonia la verità della missione e il raggiungimento della meta, in attesa dell’evento definitivo alla fine dei tempi.

La speranza e l’eredità sono percepite, e credute, non attraverso il ragionamento e l’intelligenza umana, né per visioni, apparizioni o audizioni ritenute provenienti dal mondo divino, ma per la pratica dell’insegnamento di Gesù e, in esso, per l’azione dello Spirito. Di conseguenza, ogni persona di buona volontà, solidale con l’umanità nell’instaurare il diritto e la giustizia, partecipa della speranza e dell’eredità per la qualità dei rapporti interpersonali e sociali.

La pratica del comandamento di amare gli uni gli altri, come Lui ha amato, evidenzia l’accoglienza e l’efficacia del dono della salvezza e, allo stesso tempo, che Dio, ricco di misericordia, fa rivivere ogni persona di buona volontà in Cristo: “Con lui (Cristo) ci ha anche risuscitato e ci ha fatto sedere nei cieli, in Cristo Gesù” (Ef 2,4-6).

Il Padre, nel risuscitare Gesù dai morti e collocarlo alla sua destra nella gloria dei cieli, realizza la stessa operazione in ogni credente, affinché abbia chiarezza della propria vera identità e del destino e pienezza di vita da coltivare, per sintonizzare con la meta della quale già partecipa nel cammino personale e sociale, sostenuto dalla fiducia nella rivelazione dell’azione della Trinità. In questo quadro si può apprezzare tutta l’opera di Gesù Cristo e l’azione, in Lui e nel credente, della Trinità. È nell’insieme del quadro che si apprezza la bellezza e il messaggio dell’opera stessa.

Il singolare e inscindibile rapporto fra Cristo e la Chiesa – tra il capo e il corpo – proiettati nell’Avvento del Regno oggi, e in tensione verso l’ultimo e definitivo, fa sì che il vissuto esprima la “vita in abbondanza” (Gv 10,10). E la Chiesa – la comunità che si riunisce per la lode a Dio – sia come "corpo di lui, la pienezza di colui che è il perfetto compimento di tutte le cose”.

Il perfetto compimento include il coinvolgimento di tutti i popoli nella dinamica dell’amore, e permette a ognuno di essere sé stesso – una realtà singolare e irriducibile – e, allo stesso tempo, di vivere la comunione fraterna nella responsabilità e solidarietà; in una parola, nella pace.

È quello che raccomanda Gesù Cristo nel vangelo di oggi.

 

Vangelo (Mt 28,16-20) dal commento di Alberto Maggi

L'episodio dell'ascensione di Gesù lo troviamo soltanto nel vangelo di Luca, e poi nella parte finale aggiunta, nel vangelo di Marco, ma non negli altri evangelisti, né in Matteo, né in Giovanni; ma il messaggio dell'evangelista, di Luca, è identico a quello degli altri: quella di Gesù non è una separazione, ma una vicinanza, non è una lontananza, ma una presenza ancora più intensa, perché Gesù è nella pienezza della condizione divina. Il finale del vangelo di Matteo è costituito da cinque versetti nei quali l'evangelista racchiude, riassume tutto il suo vangelo.

Esaminiamolo più approfonditamente.

“Gli undici discepoli”; i discepoli non sono più dodici, e il numero, in questo vangelo, non viene ricostituito. Il dodici significava il nuovo Israele, l'undici significa che il nuovo Israele non viene ricostituito, pertanto il messaggio di Gesù è universale, è per tutta l'umanità. “andarono in Galilea”; vanno in Galilea perché, per ben tre volte, c'era stato l'invito di incontrare Gesù in Galilea: Gesù, risuscitato in questo vangelo, non si manifesterà mai a Gerusalemme.

Ma, l'evangelista scrive che andarono “su-il monte”; usa l'articolo determinativo e, quindi, su un monte particolare, “che Gesù aveva loro indicato”. Ma Gesù in questo vangelo non ha indicato nessun monte. Perché i discepoli vanno su “il” monte? Il significato non è topografico, ma teologico: il monte, in questo vangelo, è il monte delle beatitudini, dove Gesù ha proclamato il suo messaggio; beatitudini che sono otto, ed il numero otto è la cifra della risurrezione nel cristianesimo primitivo, perché Gesù è risuscitato il primo giorno dopo la settimana. Quindi i discepoli, chiaramente, vanno su “il” monte e l'evangelista vuol dire che l'esperienza di Gesù risorto non è un privilegio concesso duemila anni fa a poche persone ma una possibilità per tutti i credenti di tutti i tempi; basta situarsi su “il” monte delle beatitudini, cioè accogliere il suo messaggio, che è stato formulato e riassunto nelle beatitudini.

“quando lo videro”; il verbo vedere adoperato dall'evangelista non indica la vista fisica, ma la profonda esperienza interiore, “si prostrarono”: quindi riconoscono in Gesù una condizione divina; e poi, stranamente, l'evangelista dice: “essi però dubitarono”, ma di che cosa dubitano? Non che Gesù sia risuscitato, lo vedono! non che sia nella condizione divina, si prostrano!

Allora perché dubitano? L'evangelista ha adoperato questo verbo – dubitare – soltanto un'altra volta, nell'episodio conosciuto, quando Gesù cammina sulle acque, che indica la condizione divina, e Pietro, il discepolo, voleva anche lui camminare sulle acque, cioè voleva anche per sé la condizione divina. Gesù gli dice che può andare, ma quando vede la difficoltà, Pietro incomincia ad affogare e chiede aiuto. Lui credeva che la condizione divina sarebbe stata concessa come un dono dall'alto, e non sapeva attraverso quali difficoltà passava. Ebbene Gesù rimproverò quella volta Pietro con queste parole: “uomo di poca fede, perché hai dubitato?”. Allora in questa lettura, questo dubbio che l'evangelista scrive, qual è? Hanno visto Gesù nella condizione divina, però ora sanno attraverso cosa è passato: la morte più infamante, più disprezzata per un ebreo, la maledizione della croce.

Allora di chi dubitano? Dubitano di sé stessi: sono invitati a raggiungere la condizione divina, ma non sanno se saranno capaci di affrontare la persecuzione e anche la morte. Ecco il motivo del dubitare.

Mentre le donne si sono avvicinate a Gesù, qui è Gesù che si deve avvicinare ai discepoli; infatti Gesù si avvicinò e disse loro: "A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra"  (qui l'evangelista si richiama al profeta Daniele, dove al figlio dell'uomo è stato dato ogni potere in cielo e in terra). Ma Gesù non usa questo potere per essere servito, ma, come Lui dirà, “il Figlio dell'uomo non è venuto per essere servito, ma per servire”, quindi è un potere per servire.

E poi, ecco che arriva l'ordine imperativo: “Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli”; il termine popoli indica le nazioni pagane, “battezzandole”, il verbo battezzare significa immergere, inzuppare, “nel nome”, il nome indica la realtà profonda di un essere, “del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”, cioè immergeteli nella realtà profonda di Dio, fate fare loro esperienza di chi è Dio, “insegnando”, ed è l'unica volta che Gesù autorizza i suoi discepoli a insegnare, “loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato”, e questa è anche  l'unica volta che appare il verbo comandare in questo vangelo, proprio in riferimento alle beatitudini.

Allora qual è il significato di questo comando di Gesù? Egli aveva invitato i suoi discepoli a seguirlo per essere pescatori di uomini; pescare gli uomini significa tirarli fuori dall'acqua  che può dare loro la morte, quindi dalla situazione mortale, per dare loro la vita.

Ebbene, Gesù ora indica come e dove: come si diventa pescatori di uomini? Immergendoli nello Spirito del Signore, nella realtà più profonda dell'amore divino; e dove? Dove lo spazio è tutta l'umanità.

E poi l'assicurazione finale di Gesù: “ecco io sono con voi”; questo è il tema, il filo conduttore di tutto il vangelo. Al capitolo primo, versetto ventitré, l'evangelista aveva indicato Gesù come il “Dio con noi”; a circa metà del suo vangelo Gesù aveva detto che lui era con i suoi discepoli: “dove sono due o più io sono con loro”; e ora conclude con le parole di Gesù che assicurano la sua presenza: “con voi tutti i giorni fino”, ora la traduzione della CEI è tornata a scrivere “fine del mondo”: era migliore quella del '97, quando la vecchia edizione traduceva in questo modo: “fino a quando questo tempo sarà compiuto”. Non c'è una fine del mondo, è una fine del tempo, che non indica una scadenza, ma la qualità di una presenza.

Ecco, quindi, le ultime parole di Gesù: “ecco io sono in mezzo a voi per sempre”.

E l'evangelista, che ha aperto il suo vangelo riferendosi al libro del Genesi – inizia il vangelo di Matteo scrivendo “libro della Genesi” e lo chiude con il riferimento all'ultimo libro della Bibbia ebraica, il secondo libro delle Cronache, dove c'è l'invito di Ciro, re di Persia, che dice al popolo degli ebrei: “il Signore Dio del cielo mi ha concesso tutti i regni della terra; egli mi ha incaricato di costruirgli un tempio a Gerusalemme che è in Giuda. Chiunque di voi appartiene al suo popolo il signore suo Dio sia con lui e salga”. È l'invito di Ciro agli ebrei di uscire dal suo regno per tornare in Israele e costruire un tempio al Signore.

Anche Gesù invita i suoi discepoli ad andare, lasciare l'istituzione religiosa, ma non a costruire un tempio, perché la comunità dei discepoli sarà il nuovo tempio dove si manifesta l'amore, la misericordia del Signore.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento